Monumento a Pio XI

Desio

Monumento a Pio XI

Monumento a Pio XI a Desio è una statua in onore del Papa originario della cittadina briantea, voluta dal podestà di Desio Giulio Gavazzi. Costruita negli anni ’30 del Novecento richiama un deciso ritorno all’ordine, contrapposto alle avanguardie in voga in quell’epoca. La costruzione viene affidata ad Alberto Dressler, che concepisce un solenne monumento a struttura piramidale, dove il sommo pontefice è rappresentato in gesto benedicente; sul capo porta la tiara del triregno – il vertice della piramide – ed è seduto sulla sedia gestoria che poggia su di un massiccio basamento, la base della piramide. La statua del papa è in bronzo, così come lo stemma della famiglia Ratti posto sul fronte del basamento, nonché la corda e la picozza sul lato opposto, a ricordare la passione per l’alpinismo del papa di Desio. Anche le sculture che ornano le quattro fontane agli angoli del recinto che custodisce il monumento sono in bronzo, con le rappresentazioni delle quattro virtù cardinali: Prudenza, Giustizia, Temperanza e Fortezza (quest’ultima con in mano un fascio littorio). Nella statua, oltre ad onorare il Papa, si vuole ricordare anche la recente ratifica dei Patti Lateranensi, per questo tra i bassorilievi sul basamento in pietra appare il momento della firma dei Patti Lateranensi tra il cardinale Gasparri e Benito Mussolini.

Epoca di costruzione Epoca di costruzione
1930

 

Autore Autore
Alberto Dressler